Adattamento allo spazio

Acquisizione funzionale di una capacità e disponibilità a promuoversi nello spazio, confrontarsi con situazioni-problema, organizzarsi in nuove e diverse risposte e assicurarsi le variabili di riuscita con risultati di efficacia. Adattamento di un corpo la cui organizzazione e strutturazione si coniugano in uno spazio con il progredire della maturazione nervosa, sviluppa via via capacità sempre più compiute in definizione delle nozioni, delle relazioni e degli orientamenti spaziali sia topologici che euclidei. Si tratta di una prestazionalità, fra le tante altre, che dipende dall’organizzazione della persona e dal suo sviluppo, dalla disponibilità a risolvere specifici problemi che gli sono stati posti dall’ambiente esterno, perciò garantita dalla funzione energetico-affettiva che, sostenuta dalla formazione reticolare e dalle strutture limbiche in cui è espresso tutto il potenziale energetico di un soggetto, ne determina una certa capacità operativa definita funzione d’aggiustamento, che, a sua volta assicurerà un’azione efficace nell’ambiente circostante, conosciuto e riconosciuto nei suoi preziosi elementi e costrutti.