Addormentamento

Disponibilità ad abbandonarsi al sonno della notte. Nel momento di addormentarsi, il soggetto restringe i suoi limiti di sicurezza e ha bisogno di conoscere e di riconoscere il proprio giaciglio e i punti di riferimento che lo situano in una posizione relazionale rispetto all’ambiente in cui si trova perché possa essere rassicurato nel tempo e nello spazio e si abbandoni fiducioso nella posizione del sonno che più diminuisce le possibilità di controllo e di difesa e meglio accoglie lo stato ipnologico corrispondente a quei brevi minuti che seguono l’essersi coricati. Le resistenze che molte persone incontrano e che ritardano il lasciarsi vincere dal sonno, possono trovare una spiegazione nella paura del buio, dell’ignoto e delle immagini fantasmatiche che si possono definire “paure del sonno”. Questo stato di difficoltà deve essere attentamente letto dal Pedagogista Clinico® per individuare come evitare una situazione così difficile e aiutare la persona a superare il momento di separazione per vincere il terrore e l’ansia. Lo specialista che rileva tale difficoltà nell’accedere al sonno della notte, deve poter riflettere e valutare quali siano le opportunità di protezione che possono rassicurare la persona e che evitano la compromissione degli equilibri. L’analisi conoscitiva dovrà favorire la rilevazione delle difficoltà ad addormentarsi derivate da una non adatta situazione ambientale, come pure quelle provocate da stati d’ansia e di angoscia connotabili anche in base alle diverse età.