Connotazioni associative verbali

Le connotazioni associative verbali prendono qui il posto del simbolismo delle polarità, delle direzionalità, dei movimenti e dei contro movimenti, con cui seguendo i principi del Reflecting® si sollecita la riflessione per ottenere lo stesso successo appellando con parole le associazioni di quegli atti significativi. Si tratta di offrire un orientamento sui diversi valori simbolici espressi dalla topografia, dalla localizzazione topologica e dalle associazioni che possono essere fatte per ciascuna delle parole, evitando la tendenza al semplice uso letterale. All’atto comunicativo di un movimento verso l’alto, vengono altrimenti usate le parole “su”, “alto”, “elevato” …, e pure crescita, motivazione…, e parole generate per connotazioni associative di basso, basso sinistra, basso destra, e i diversi orientamenti obliqui. Tante parole che il Reflecting utilizza per far rivolgere la persona a preziosi approfondimenti; parole che dovranno servire ad un approccio dinamico indispensabile per offrire l’opportunità di analizzare il proprio percorso di vita, riconoscere e mettere in discussione l’idea che ognuno può avere di , cercare una comprensione nuova e individuare un cambiamento di direzione.