Famiglia educante

Nucleo familiare in cui le dinamiche di scambio promuovono opportunità di relazioni positive fra tutti i suoi componenti poiché lo stile di vita di ciascuno è un derivato dello spirito coesivo e rappresentativo di un saper stare assieme, presupposto indispensabile per potersi aprire adeguatamente agli altri. I bisogni primari endogeni, ossia quelli a carattere fisiologico che determinano la sopravvivenza biologica del soggetto, partecipano all’attuazione di specifici comportamenti, a cui se ne affiancano altri, derivanti invece dai bisogni secondari, costituiti dalle esigenze psico-sociali. Ci si riferisce per esempio al bisogno di sicurezza, al bisogno di esprimersi e, soprattutto, al bisogno di affetto e di cure adeguate. Ogni età vedrà mutare di pari passo le esigenze di vita, a differenza del coinvolgimento affettivo, il quale rimarrà di primaria importanza per tutta l’età evolutiva. Tra i bisogni sociali, quello di sentirsi parte di un gruppo, che dapprima è nucleo interno (famiglia) per poi espandersi all’esterno (società) interiorizzandone cultura e valori. La famiglia è senza dubbio la prima agenzia atta a soddisfare ogni istanza affettiva e sociale, capace di trasmettere calore e sicurezza, promotore di valori primari necessari a un adeguamento e a una coerenza individuale e sociale.

    Violenza intrafamiliare: la solitudine delle vittime