Gratificazione

Riconoscimento dell’impegno nel perseguire il successo. Viene intesa come incentivo emozionale capace di offrire un senso di appagamento interiore, quell’intima soddisfazione che può sollecitare la persona nel perseguire ulteriori obiettivi per altre approvazioni gratificanti, che tuttavia non le perverranno mai con dichiarazioni dirette e affermative (“Sei bravo!”), quale contropartita a un suo comportamento, bensì lasciate all’autovalutazione sostenuta ad esempio dall’elogio “bravo”, con il correttore “no?” che, senza essere sovrastrutturale, promuove occasioni per riconoscersi e approvarsi.