Intonazione

Andamento melodico di un enunciato che si ottiene dalle variazioni dell’intensità e della frequenza fondamentale con cui viene pronunziato, sovrapponendosi sulla struttura accentuale. La successione, in uno o più enunciati, di sillabe toniche e sillabe atone determina il ritmo, e ogni lingua ne ha ovviamente uno proprio. La combinazione di più parole in un enunciato dà vita a gruppi intonativi o tonali di vario tipo, intervallati da pause e con un rapporto gerarchico al loro interno, poiché alcune parole sono più prominenti di altre sulla base delle caratteristiche sintattiche e pragmatiche di ciascuna di esse e delle peculiarità emotive del parlante. Il Pedagogista Clinico® sa bene quanto l’intonazione, la modulazione del tono della voce possono
incidere su uno stato d’animo e dar vita a immagini affettive, a un linguaggio emozionale diverso, relativamente ai differenti suoni e sfumature, ai toni e acutezze diverse, alla varietà delle note di forza, di timbro e coloritura, alle espressioni irritanti o distensive. L’intonazione svolge, infatti, varie funzioni linguistiche comunicative di importanza fondamentale, in quanto contribuisce alla decodifica sintattica e informativa del parlato, permette di differenziare i vari tipi di enunciato (dichiarativo, imperativo, sospensivo, interrogativo, ecc.) in base all’atteggiamento del parlante nei confronti di ciò che dice