Lettura

Processo che richiede un riconoscimento e una fusione delle singole unità fonologiche di cui le parole si compongono, sono conoscenze che il soggetto acquisisce se sostenuto da interesse nei confronti dello scritto e dal desiderio di decodificarlo. L’abilità di lettura è correlata e correlabile all’andamento evolutivo, alle potenzialità, alle esperienze e alle conoscenze personali che possono influenzare i ritmi d’apprendimento. Saper leggere assume un significato quando il soggetto è capace di leggere un testo il cui contenuto corrisponda alle sue possibilità, a voce alta, senza errori, con abilità espressiva, senza sillabare, rispettando la punteggiatura; quando è in grado di leggere un testo silenziosamente, di mimarlo e manifestare con il comportamento le situazioni descritte, raccontare e riassumere i contenuti. Si tratta di sapere attribuire a un segno scritto una sonorizzazione significante, tradurre il senso del messaggio sonoro, ricostruire un enunciato verbale e saperlo apprezzare, arricchire sistematicamente il vocabolario, scoprire i problemi della grammatica e intuire il rapporto fra il pensiero e il linguaggio verbale. Per acquisire queste abilità nella lettura occorre avere ben organizzati i complessi processi bio-sociopsicologici.