Movimento dei Pedagogisti Clinici

Il Movimento si è caratterizzato per la necessità di un rinnovamento del panorama socio-culturale esistente, un gruppo formato da pedagogisti, ortopedagogisti, laureati in medicina, in sociologia, in lettere e filosofia, che sosteneva con forza la necessità di solidi mutamenti e che si incontrava nel cenacolo del Centro Studi Antiemarginazione in Firenze. Tutti  animati da un clima di fermento con l’intento di apportare alla struttura sociale un ruolo moderno e rinnovato. È con questa identità che nel febbraio del 1974 si consolida una nuova scienza a cui Guido Pesci diede nome di Pedagogia Clinica, scienza che animava quel sapere scientifico e socio-culturale che aveva guidato il gruppo nella ricerca di soluzioni indispensabili all’educazione della persona e che assunse la denominazione di Movimento dei Pedagogisti Clinici con il compito di rappresentare la Scienza e la professione di Pedagogista Clinico®. Esso si è sviluppato nel tempo in modo eccezionale e, con il suo fermento culturale e formativo, ha avuto un rilievo assai significativo fino ad assumere una funzione pilota negli interventi di aiuto ed essere portavoce di una nuova cultura per il bene della collettività. Il 16 aprile 1997 il Movimento dei Pedagogisti Clinici fonda a Firenze l’Associazione Nazionale Pedagogisti Clinici che in quello stesso anno viene iscritta in Banca dati del CNEL (Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro).