Pensiero

Attività della mente, psichica e intellettuale, conscia o inconscia. È un processo che si esplica nella formazione delle idee, nella formulazione delle ipotesi e dei desideri seguite dalla elaborazione dei concetti. Il pensiero, che permette alla persona di costruire nuovi modelli che trascendono i limiti della percezione sensibile, è contrapposto ai sensi per esporsi nell’essere e identificarsi con quel che essa pensa. La persona, attraverso questa attività, acquisisce conoscenza di fatti che avvengono intorno a se stessa e di moti del suo animo e, con criticità, interpretazione e giudizio conduce a dare nuova forma, coscienza di Sé e del mondo esterno. Il pensiero può procedere con la riflessione che, improntata su visitazioni affettive e nuovi desideri, conduce ad una rilettura per nuove soluzioni. Pensiero convergente. Si adatta a situazioni che richiedono una sola risposta raccolta da regole e schemi già interiorizzati. È il pensiero logico-deduttivo che ragiona per ripetizione, adatto a soggetti conformisti e poco creativi e alle scuole che, con regole, inducono a dare un’unica risposta accettabile per produrre efficacemente la soluzione.