Ritardo evolutivo del linguaggio

Rallentamento, arresto o regressione nell’evoluzione linguistica con un conseguente mancato rispetto delle fasi dello sviluppo, causato da fattori ambientali ed emotivo-affettivi. Alcune importanti situazioni sfavorevoli che possono turbare la normale evoluzione del linguaggio scaturiscono da immaturità, nascita di un fratello, apprendimento di lingue straniere prima del consolidamento della lingua madre, interventi correttivi tesi a contrariare una lateralità, isolamento verbale e affettivo (mancanza di vezzeggiamento, incoraggiamento e ripetizioni) una malattia prolungata, un atteggiamento svilente d’intransigenza o ipercritica da parte dei genitori, iperprotezione, povertà espressiva e ambientale. I soggetti con ritardo o arresto di linguaggio possono esprimersi con la sola parola-frase, con baby talk, e avere un carattere egocentrico, oppure dimostrare insufficienza nell’analisi degli engrammi percettivi o motori che caratterizzano il codice del linguaggio, manifestare scarsa capacità nella realizzazione e nella percezione delle parole di legamento e delle desinenze.