Ritardo psicomotorio

Lento sviluppo maturazionale per l’acquisizione di abilità psicomotorie che riveste una notevole importanza nello sviluppo della persona. Il movimento si espone con la nascita e si esplicita progressivamente nel tempo. L’adattamento si compie con un’integrazione continua dei movimenti necessari alla realizzazione di un atto volontario. Il bambino a poco a poco arriva a collegare le rappresentazioni alla motricità e con la prima manifestazione evidente dell’apprendimento giunge alla formazione di movimenti automatici in vista di un adattamento pratico, fino a divenire struttura complessa di alto valore espressivo e comunicazionale. Nel caso di una persona con ritardo psicomotorio l’evoluzione appare proseguire più lentamente e caratterizzarsi in rigidità, maldestrezza, goffaggine, scarsa abilità o incapacità di realizzare il piano di esecuzione di un’azione o a eseguire operazioni a comando. Tanti aspetti che devono essere analizzati e per ciascuno trovare spiegazioni che possano dare orientamenti utili a un intervento di aiuto.