USR. (Ufficio Scolastico Regionale)

È un ufficio periferico del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, italiano, presente in ogni capoluogo di regione ad esclusione della Valle d’Aosta e del Trentino-Alto Adige. I compiti e le funzioni dell’Ufficio Scolastico Regionale, recate dall’art. 7 del citato DPR 260/07, sono tra l’altro di vigilare sul rispetto delle norme generali sull’istruzione e dei livelli essenziali delle prestazioni, sull’attuazione degli ordinamenti scolastici, sui livelli di efficacia dell’azione formativa e sull’osservanza degli standard programmati; cura l’attuazione nell’ambito territoriale di propria competenza e delle politiche nazionali per gli studenti; esercita la vigilanza sulle scuole non statali paritarie e non, nonché la vigilanza sulle scuole straniere in Italia; assicura la dif
fusione delle informazioni; esercita le attribuzioni, assumendo legittimazione passiva nei relativi giudizi, in materia di contenzioso del personale della scuola e del personale amministrativo in servizio presso gli uffici scolastici periferici; attiva la politica scolastica nazionale sul territorio supportando la flessibilità organizzativa, didattica e di ricerca delle istituzioni scolastiche. L’espletamento di tale funzione si basa su una stretta correlazione tra l’attività dell’USR e gli USP; svolge attività di verifica e di vigilanza al fine di rilevare l’efficienza delle attività delle istituzioni scolastiche e di valutare il grado di realizzazione del piano dell’offerta formativa; promuove la ricognizione delle esigenze formative e lo sviluppo della relativa offerta formativa sul territorio in collaborazione con la regione e gli enti locali.